Archivi per la categoria ‘Regolamenti’

Regolamento generale

 

Articolo 1

L’iscrizione è subordinata all’accettazione degli allievi/e da parte della Direzione.

 

Articolo 2

Possono iscriversi allievi/e in possesso d’idoneità fisica, certificata da un medico.

 

Articolo 3

L’assicurazione per l’attività è coperta da una polizza di responsabilità civile. Gli associati devono segnalare immediatamente qualsiasi incidente o danno accusato durante l’attività per poter procedere alle formalità assicurative. Nessuna responsabilità potrà essere addebitata alla Direzione per danni che dovessero derivare dalla pratica sportiva svolta al di fuori del luogo e dell’ora di lezione e senza il diretto controllo di un responsabile.

 

Articolo 4

Tutti gli iscritti devono osservare civili regole comportamentali e rispettare l’ambiente di lavoro. Il socio che per la propria incuria dovesse arrecare danno alle attrezzature o ai beni del Centro di Riabilitazione “Jua Lughente” dovrà risarcirli. La Direzione si riserva il diritto di allontanare chi non osserva un comportamento adeguato.

 

Articolo 5

La Direzione non risponde del furto o del danno di qualsiasi oggetto personale lasciato incustodito nella sede.

 

 

 

 

Regolamento Associazione Sportiva  Dilettantistica “Stella”

 

Art. 1 – La partecipazione alle attività organizzate dall’A.S.D. Stella prevede l’iscrizione in qualità di socio sostenitore.

Art. 2 – La quota mensile relativa ai corsi deve essere versata anticipatamente.

Art. 3 – Per la frequenza dei corsi è necessario presentare un certificato medico che attesti l’idoneità fisica a partecipare alle attività che si svolgono nella sede.

Art. 4 – E’ possibile scegliere di acquistare un tesserino comprendente 10 lezioni oppure regolarizzare di volta in volta ogni singola lezione

Art. 5 – Il tesserino con 10 lezioni deve essere utilizzato entro un anno

Art. 6 – In caso di presenza di due o più membri della stessa famiglia verrà applicata una riduzione dell’importo mensile,  ma solo limitatamente al mese di reale frequenza contemporanea.

Art. 7 – La quota è legata all’allievo, non può essere utilizzata da altri e non può esserne chiesto il rimborso.

Art. 8 – In casi di assenza documentata (quali malattie, infortuni, ecc.), la quota non verrà rimborsata, ma verrà data la possibilità di utilizzarla in altro periodo.

 

All’inizio dell’anno 2012 l’attività della Scuola di Danza Sirio è stata ereditata dall’A.S.D. Stella,

la quale, a sua volta, ha ceduto parte dei corsi all’A.S.D Sugar Foot.

Il seguente Regolamento verrà conservato in questo spazio per tutti coloro che avessero bisogno di un fac-simile.

Regolamento della Scuola di Danza Sirio

 

Art. 1 – La quota d’iscrizione è obbligatoria.

Art. 2 – Per la frequenza dei corsi è obbligatorio presentare un certificato medico che attesti l’idoneità fisica per la pratica delle attività che si svolgono nella sede. Senza di esso non sarà consentito partecipare alle lezioni. In occasione di una lezione di prova l’allievo, o chi per lui, dovrà assumersi la responsabilità per eventuali infortuni che dovessero verificarsi.

Art. 3 – La partecipazione alle attività prevede un costo annuale ripartito in nove mensilità. La quota deve essere versata anticipatamente e non oltre i primi 12 giorni dell’inizio di ciascun mese. La quota è legata all’allievo, non può essere utilizzata da altri e non può esserne chiesto il rimborso. Le assenze non esonerano dal pagamento della quota stessa, che deve essere versata per intero. Le lezioni perse per motivi non dipendenti dalla Scuola non potranno essere recuperate, salvo diverse disposizioni dell’insegnante. L’allievo non in regola col pagamento delle quote dovute non può partecipare alle manifestazioni organizzate dalla Scuola.

Art. 4 – L’allievo può pagare la quota annuale in un’unica soluzione, usufruendo di uno sconto dell’8%. Tale possibilità è valida solo per iscrizioni effettuate entro il mese di novembre. La frequenza di due o più corsi prevede lo sconto del 12% sul totale. In caso di presenza di più membri della stessa famiglia, sarà applicata una riduzione dell’importo mensile,  ma solo limitatamente al mese di reale frequenza contemporanea.

Art. 5 – È necessario presentarsi dieci minuti prima dell’inizio delle lezioni per rispettarne la puntualità, pertanto non saranno ammessi ritardi da parte degli allievi, che comunque non potranno recuperare il tempo non fruito.

Art. 6 – Il rapporto tra allievi e insegnante deve essere improntato al più assoluto rispetto e fiducia, evitando di assumere atteggiamenti scorretti, ed è necessario osservare il più rigoroso ordine e silenzio negli spogliatoi e negli spazi d’attesa, evitando così qualsiasi atteggiamento che possa turbare la quiete, la concentrazione ed il lavoro altrui.

Art. 7 – I piccoli allievi devono restare sotto la responsabilità dei genitori o di un adulto fino all’ora di inizio della lezione. I genitori sono pregati di avvertire l’insegnante quando sanno che non potranno essere puntualmente presenti al termine della lezione stessa.

Art. 8 – Il primo periodo servirà a suddividere le classi, e ogni allievo frequenterà il livello e il grado deciso ad insindacabile giudizio dell’insegnante. In base al numero degli iscritti potranno essere previste ulteriori suddivisioni dei gruppi di lavoro.

Art. 9 – Durante l’anno, per esigenze particolari, l’orario delle lezioni potrebbe subire delle modifiche, che saranno tempestivamente comunicate agli iscritti attraverso avvisi affissi all’ingresso. In caso d’indisponibilità dell’insegnante titolare dei corsi la lezione sarà svolta da un assistente.

Art. 10 – Per le festività sarà prevista la sospensione delle lezioni come da calendario scolastico, salvo diverse disposizioni dell’insegnante.

Art. 11 – Per la Scuola di Danza l’anno inizia ad ottobre e termina entro il mese di luglio con il Saggio finale, che si svolgerà in teatro o in sede idonea. In accordo con gli iscritti ad uno o più corsi sarà possibile prevedere la prosecuzione delle lezioni anche nel mese di luglio.

Art. 12 – Le assenze, giustificate, non dovranno superare in totale il numero di dodici in tutto l’anno per non compromettere la continuità dello studio e la preparazione per le eventuali manifestazioni. Il conteggio delle assenze partirà dalla prima lezione dell’A.A. La Direzione può decidere di non far partecipare al Saggio di fine anno coloro che hanno fatto troppe assenze o che hanno avuto atteggiamenti non corretti nei confronti dei compagni, dell’insegnante o dell’assistente. Solo i bambini frequentanti già le Scuole Elementari potranno partecipare al Saggio.

Art. 13 – Durante l’anno accademico potranno avere luogo anche altri spettacoli e potranno essere organizzati stage e workshop che amplieranno il corso di studi. Potranno inoltre essere previsti viaggi-studio presso altre Scuole. Il costo di tali iniziative sarà a carico di coloro che vorranno prendervi parte e affinché le iniziative si concretizzino con una formula economica vantaggiosa, tutti gli allievi sono esortati a partecipare.

Art. 14 – L’iscrizione alla Scuola di Danza prevede la partecipazione al Saggio di fine anno e il pagamento di una quota d’iscrizione allo stesso. Potranno prendere parte al Saggio solo coloro che hanno iniziato a seguire le lezioni entro novembre, che sono in regola con il pagamento della quota annuale e che hanno frequentato regolarmente le lezioni. L’acquisto dei costumi di scena è a totale carico dell’allievo. I ruoli e le posizioni attribuiti a ciascun allievo nell’ambito dello Spettacolo di fine anno sono decisi ad insindacabile giudizio dell’insegnante. (vedi Allegato a piè di pagina).

Art. 15 – Non è permessa l’esibizione in pubblico delle coreografie o l’utilizzo del nome della Scuola di Danza Sirio senza il consenso della Direzione. La mancata osservazione di tale articolo comporta l’allontanamento dell’allievo dalla Scuola.

Art. 16 – Tutti gli iscritti hanno l’obbligo di indossare, durante le lezioni, una divisa conforme alla disciplina che stanno studiando. L’ingresso nella sala è consentito solo ed esclusivamente con scarpette regolamentari. I capelli devono essere accuratamente raccolti in una coda o in un chignon, per motivi igienici e per non compromettere l’esecuzione tecnica degli esercizi. Le istruzioni per la divisa personale degli allievi fino ai 11/12 anni saranno fornite all’atto dell’iscrizione.

Art. 17 – Alle lezioni possono partecipare solo i soci regolarmente iscritti.

Art. 18 – Durante lo svolgersi delle lezioni non è consentito indossare orecchini pendenti o ad anello, catenine, bracciali e bigiotteria di vario genere, in quanto possono rappresentare un pericolo per se e per gli altri.

Art. 19 – Avvisi, comunicazioni e locandine, costi ed informazioni riguardanti gli eventi organizzati, saranno esposti tempestivamente nella sala d’attesa nel corso dell’anno e tutti gli allievi e i genitori dei più piccoli sono tenuti a prenderne visione. Coloro che non partecipano ad una o più lezioni sono tenuti ad informarsi su eventuali variazioni intervenute durante la loro assenza.

Art. 20 – Le suddette norme s’intendono accettate all’atto dell’iscrizione. Non risulti scortese la sospensione di coloro che non saranno in regola con esse.

 

☆☆☆☆☆☆☆☆

 

 

Allegato

Gli allievi dei corsi di danza all’atto dell’iscrizione devono comunicare la volontà di partecipare al Saggio di fine corso. Questa scelta comporta che, all’atto dell’iscrizione, o, improrogabilmente entro il mese di dicembre, sia versato (a scelta in unica soluzione o in più quote) l’importo relativo alle spese del Saggio. Nel mese di gennaio, a tutti coloro che avranno aderito, saranno date informazioni relative all’ evento, che sarà organizzato in base al numero di partecipanti; è evidente che un adeguato numero di allievi permetterà di prendere impegni maggiori (sede dello svolgimento, service, scenografie, ecc.). Per gli allievi che decideranno di partecipare potranno essere previste lezioni aggiuntive o lezioni in orari e giorni diversi rispetto a coloro che sceglieranno di non partecipare. La Direzione si riserva anche la possibilità di costituire un corso specifico per gli allievi che parteciperanno allo Spettacolo. Nel caso in cui un allievo, per qualsiasi motivo, dovesse ritirarsi dall’impegno preso, la quota da lui versata non potrà essere restituita, salvo che la rinuncia avvenga quando ancora la Scuola non abbia fatto investimenti per lo Spettacolo; nel qual caso una porzione non superiore al 50% della quota relativa al costume potrà essere portata in accredito per l’anno successivo.  Se un allievo, per ripensamento, comunica dopo dicembre di voler partecipare al Saggio, per evidenti motivi organizzativi non potrà essere ammesso.

Sponsor
visite
Archivio