Archivi per la categoria ‘Storia’

Cartoline dal mondo 

 

… da Barcellona (08/04/1997)

Sono distrutta, non facciamo che camminare tutto il giorno. Non pensavo fosse così faticoso, ma ne vale la pena, la città merita di essere visitata. Ti mando tanti saluti. Francesca

 

… da Barcellona (08/04/1997)

Ricevi un caro saluto dalla tua allieva. Anche qui sto facendo molta ginnastica, non faccio che camminare ma ne vale la pena. A presto. Chiara

 

… dalla Republica Dominicana (1997)

Qui la vita è molto allegra, le musiche sono stupende e mi ricordano il Saggio del ’96! Hasta la vista! Betta

 

… dalla Tunisia (03/09/1997)

Anche qui si pratica “aerobica”. Un saluto

Mariano e Flaviana

 

… da New York City (1997)

Appena torno ho bisogno del tuo aiuto!! Sto mangiando come un’americana. Baci. Marta

 

… da Firenze (15/03/1998)

Un bacione a te e a tutta la Palestra Sirio, in modo particolare alle mitiche a ragazze dell’avanzato 3. Simona

 

… da Padova (25/06/1999)

Nonostante mi abbiate “distrutto di fatica” vi ricordo con tanta simpatia. In ricordo dei giorni trascorsi a Muravera. Ciao e a presto. Antonio

 

… da Bali (06/02/2000)

Sono delusa! Qui la palestra è chiusa per restauro, quindi preparatevi perchè dovete farmi ripetizioni! Mi mancate tanto. A presto. Betta

 

… da Strasburgo (23/08/2000)

Saluti da Ottavio


… da Praga (28/04/2001)

Qui è tutto bellissimo ma sarebbe stato ancora più bello se foste state qui con noi. 1000 bacioni FORTI FORTI e GRANDI GRANDI.

Stefi, Corrado, Federica, Andrea, Serena, Emanuele, Sara, Ramona, Anna, Beta, Elisa, Fabio, Marta, Vanda, Karen, Ale

 

… da Roma (10/12/2003)

Ciao Stefy e ciao ragazze! Anche se son mancata per pochi giorni ho sentito tantissimo la vostra mancanza! Ma sabato sono di nuovo da voi! Vi voglio tanto bene! Un bacio da Roma!  Carla

 

… da Cape Town (02/11/2003)

Ciao Stefi… qui è tutto bellissimo, per alcune cose ti ricorda Praga. Non vedo l’ora di tornare a danza, mi manca tantissimo! Un bacione. Saluta tutti. Ale

 

… da Sansepolcro (01/09/2004)

Saluti affettuosi da Sansepolcro. Anna Agus

 

 

.. da Bologna (05/04/2005)

Ciao Stefy, la danza mi manca da morire, anche se i divertimenti sono tanti la danza è sempre nel mio cuore e insieme a lei tutti voi. Ti voglio bene. Veronica

 

… dalla Corsica

Un abbraccio. Deviola

 

… da Milano

Ciao Ragazze! In attesa del nostro prossimo spettacolo vi mando una cartolina. Baci a tutte. Marta

 


 

Biglietti d’auguri che accompagnavano un omaggio!

 

Un piccolo pensiero per farti tanti auguri per la nuova palestra, ma anche per dirti che ti voglio bene. Un bacione. Emilia

 

 

Stefi ti ringrazio per tutto ciò che questo bellissimo anno hai insegnato a me e anche a tutte le altre ragazze. Se posso esprimere un parere, sei una bravissima insegnante perchè, oltre ad insegnare con il corpo, insegni anche con il cuore. Un bacio. Sara

 

In bocca al lupo per la nuova palestra.!!! Buona fortuna Valentina, Alessandra, Francesca, Carla, Barbara

 

Auguri per un futuro pieno di clienti da rimettere in forma. Anna Maria, Rosa, Lidia, Sandra, Doriana, Silvana, Consuelo e Anna

 

A Stefi con molto affetto. Giada

 

Tanti auguri da tutti noi! Per un Saggio ’99 Favoloso. Amelia, Sara N., Cristina, Samy, Marta, Lisa, Irene, Betta, Deviola, Alessandra, Giorgia, Cinzia, Consuelo, Manuela, Sara Q.

 

Ti ringraziamo per la pazienza e la dolcezza con cui ci hai seguito. Con tanto affetto dal gruppo di aerobica. Lisa, A. Rita, Amelia, Francesca, Samuela, Cristina, Betta, Roby, Sara, Manuela L., Marcella, Manuela S., Giuliana, Irene, Simonetta, Daniela

 

Il ritrovarsi tutti insieme per il Saggio di fine anno e segno della nostra amicizia. Con affetto. Gli allievi di Danza

 

Auguroni di cuore per la festa della donna, un piccolo pensiero per una donna speciale come te. In questo modo vorremmo esprimerti la nostra gratitudine per la tua grande generosità nel darci la possibilità di coltivare la nostra passione. Non c’è regalo più grande che potresti farci, di tutto cuore ti ringraziamo. Ema, Massimo, Christian

 

Ciao Stefy, Buona Pasqua dalle tue cioccolatissssssssssime allieve. Federica F., Simona P., Barbara F.

 

Giugno 2000 Il presidente dell’A.S. Stella in collaborazione con le allieve dei gruppi elementaire, Moyen e Aerobica … e con Gigi, Emanuele, Massimo, Roberto, Andrea, Marcellino, Luciano, offre un piccolo omaggio a … una grande monella!! Un bacione da tutti noi

 

Ti auguriamo Buon Natale ed un 2001 pieno di tanta felicità. Allievi Danza Preparatoire

 

A Stefania. Allieve Avanzato 2 Francy, Alessandra S., Baby, Roberta, Alessandra U., Tatiana, Kathy, Virginia, Roby, Wanda, Nunzi, Irene, Claudia, Loredana, Federica, Silvia, Lia

 

Voglio farti un regalo! Esprimi un desiderio, qualunque esso sia, purché realizzabile. Fammelo sapere. Io lo realizzerò. Babbo Natale

 

A Stefania con affetto. Le allieve del corso di ginnastica di Castiadas. Sperando che il prossimo settembre tu sia ancora qui con noi … (ti faremo disperare!)

 

Tantissimi auguri di Buon Natale e di Buon Anno. Enrica Schirru

 

Cara dolce Stefi, la tua grinta e la voglia di vivere sono contagiosi perchè è questo che esprimi in ogni cosa che fai. Continua così… Un forte abbraccio e un grande bacio Moyen, Elementaire, Aerobica e Luciano, Massimo, Andrea, Gigi, Roberto, Emanuele, Marcellino

 

Grazie… Un forte abbraccio e un bacione da Francesca Pisu e Laura Casula

 

Sei una brava ragazza però ecco, come dire, non è che sia granchè come insegnante di danza, ma non fraintendermi non è solo che sei un po’ imbranatuccia, sei proprio un incredibile disastro della natura, sei lo squilibrio nell’ordine cosmico delle cose per eccellenza. Però… quando mi inviti a cena… sei appena, appena sopportabile! Ema

 

Cara Stefi, lo sai che mi devono regalare un gatto che ha i peli lunghi ed è bianco. Ho già deciso come si chiamerà, Smeralda. Stefi ti voglio bene. Simona

 

Cara Stefania, questo è un piccolo pensiero per dirti che non vi ho  mai dimenticate e che vi tengo strette al mio cuore. Un forte abbraccio e buon lavoro per il Saggio!! Giada

 

Grazie per averci regalato tante emozioni. Le tue allieve

 

Ti ringraziamo  con tanto affetto per la Grande pazienza che hai avuto con noi. Ti vogliamo tanto bene. Allievi di Danza

 

Ti ringraziamo tanto per il bellissimo anno trascorso insieme. Con affetto. Moyen 1 e Moyen 2

 

Un omaggio per te, Stefania. Corso Aerobica: Monica, Lory, Virginia, Betta, Rita, Liana, Daniela, Lilly, Lidia, Sandra, Anna Maria, Lisa, Gabriella, Valeria, Susanna, Consuelo, Cesarina, Luisa.

 

Corso Danza: Claudia, Paola, Serena Stefania, Marta, Valentina D., Valentina Z., Martina, Michela, Sara S., Federica, Marianna, Angela, Giorgia, Carla, Agnese, Giusy.

 

Corso Ginnastica: Marilena, Rosa, Titti, Luisa, Vieginia, Nadia, Maria Assunta, Teresina, Cesira C., Giusy, Gabriella, Cesira M., Mariuccina

 

Carissima Stefania, speriamo tanto che per ritornare da noi non avrai bisogno di un ufficio di collocamento. Ti ringraziamo per tutta la tua pazienza e se siamo qualche volta state indisciplinate e un po’ monelle, perdonaci come se tu fossi la nostra mamma. Di nuovo ti diciamo grazie e speriamo un arrivederci a presto da tutte noi. Un bacione Le allieve di Castiadas

 

Dolcissima  maestra Stefi, con grande amore e impegno, prendi per mano le nostre bimbe, e con la danza insegni e crei in loro una dolce magia di vita. Grazie. Tutte le mamme dei corsi Niveau 1 e 2 e Avviamento

 

 

 

Nel 1994 le allieve del corso di danza in occasione del Saggio che chiudeva l’anno trascorso insieme, mi diedero una grande cartolina con un bel gattino.  Dietro la stessa un pensiero da ciascuna di loro

– Stefy: sei stata grande con me ma io ho paura lo stesso, spero solo di no fare la fine del gatto (vedi retro) altrimenti che figura!!! Ciao da Emilia P.S. mi avrai ancora tra i piedi!

– Ciao Stefi è stato molto bello. Tutte assieme ci siamo divertite moltissimo. Un bacio. Valeria

– Ricordati anche di me. Claudia

– Ciao Stefi. Sei stupenda. By Giulia

– Prima ero terrorizzata, ora sono felice.

– Non sono stata magnifica, ma…Baci. Silvia C.

– Un bacio. Scusami se ti ho fatto disperare. Patrizia P.

– Che paura prima di iniziare! Meno male che ti ho vista. Divertiti questa estate. Sara S.

– Ricordati sempre di quella tua alunna che il giorno del Saggio era sempre fuori tempo. Michy

– Questo gatto esprime tutte le tue doti…la simpatia, la tenerezza, tranne la tua immensa bravura artistica.. Un grande grazie da Silvia F.

– Ti auguro di rivedermi al più presto. Senza firma

– Ciao Stè Hai visto? Siamo state brave? Si vero? Un bacione da Stefy S.

– Sei stata super brava. Complimenti Stefi

– Sei troppo brava, (come toccata!!). Paola- Prima di iniziare avevo una fifa!! Ma come dicono: i risultati sono stati buoni. Baci. Paola D.M.

 

 

 

Pensierini… degli allievi dei corsi di danza

  • Ho scelto la scuola di danza per curiosità, per provare, perchè avevo visto in tv due ballerini hip hop e mi aveva colpito la bellezza del movimento e la gioia dei ballerini nel danzare. Adesso so che mi piace la danza, sopratutto lo stile “jazz”, ma mi interessano anche altri stili.
  • Mi piace troppo la danza e ormai la vedo come una passione stupendamente bella!!
  • Ho praticato altre attività fisiche, ma la danza è l’unico sport che mi ha dato delle soddisfazioni personali. Mi fa stare bene con me stessa
  • La danza mi trascina e i movimenti sono sempre diversi e non annoiano.
  • Frequento la scuola di danza da tanti anni e non ho mai avuto il desiderio di cambiare perchè è l’unica attività che mi abbia appassionata davvero.
  • La danza è la mia passione ed è da quando avevo cinque anni che danzo.
  • Mi piace ballare, danzare e imparare sempre passi nuovi.
  • Ho sempre avuto uno spirito ballerino!
  • Ho scelto la scuola di danza perchè è un’attività che mi piace molto e mi soddisfa.
  • Mia sorella praticava la danza, mi ha incuriosita, ho provato e mi è piaciuto tantissimo, così ora anche io la pratico.
  • La danza mi piace molto e sviluppa la sensibilità e, a livello fisico, tutto il corpo. Poi insegna ad essere aggraziati e coordinati. Per me è molto importante.
  • Ritengo che la danza sia uno sport completo a livello fisico e mentale e poi da emozioni molto più forti di qualsiasi altra attività sportiva.
  • Ho passione per la danza. È  una disciplina unica nel suo genere.
  • Ballare è una passione che ho da quando ero piccola
  • Inizialmente ho scelto la danza perchè ci andavano le mie amiche, ma col passare del tempo mi sono accorta che la danza è la mia passione.
  • La scuola di danza la preferisco più di qualsiasi altra attività

 

 

 

Nel 1995 le allieve dei corsi di danza e di aerobica mi scrissero…

– Scusa per averti fatto perdere la pazienza. Con simpatia. Francesca

– Stefy, anche ques’anno siamo giunti al… Sipario.

– Spero di non farti sfigurare. Ti voglio bene. Milly

– Per la serie “non è mai troppo tardi. Bacini. Katia

– … a chi ha avuto tanta pazienza! Marta

– Dopo aver lavorato tanto, finalmente siamo arrivati alla fine, senza il tuo aiuto non ci saremo mai riuscite. Un bacione. Stefy e Vero

– Ciao Stefy, anche quest’anno sei stata fantastica!! Sei troppo grande!! Ho una fifa però ce la metterò tutta! Ciao… La tua Giulia

– Ad un’amica. Ben trovata T.V.B. Michela

– Fortissima Stefy. Un bacione. Monica

– Ciao Stefy, siamo Claudia e Serena, le due pesti di danza. Sei forte, ci vediamo presto!

– Ti vorrei dire tante cose. Ma ho tanta paura e non so cosa fare! T.V.T.T.B. Paola D.M.

– Spero che un giorno i tuoi sforzi servano a qualcosa T.V.T.B. Trè Bien!!! Marta

– Ciao Stefy sono Paola P. Ti voglio un sacco di bene; grazie per i vestiti. Un bacione

– Grazie tante di tutto. Lori

– Ciao Ste, un grossissimo bacio dalla tua “tutona”. Stefania S.

– Ti ringraziamo vivamente per tutto il tempo che ci hai dedicato, per tutta la  pazienza che hai avuto e per il tuo immancabile sorriso. Con affetto Dominique, Monica M., Agnese, Bruna, Loredana, Liana

– Un grazie di vero cuore per averci fatto divertire, spero che sia stato così anche per te. Ciao! Valeria

 

“La nostra maestra si chiama Stefania. È molto brava e gentile con tutti. Stefania ci fa fare tante cose e io mi diverto a farle. Ho imparato tante cose che non sapevo fare. Ho incontrato tante bambine simpatiche e brave”.


“L’ora è finita, sembra che il tempo sia volato così in fretta!”

“Io vado a danza e ci vado molto volentieri perché mi piace molto”.

“Ciao Stefania, quando venivo in palestra eri una bravissimissima maestra. Mi dispiace che non faccio più danza e che ora faccio pallavolo, e lo pratico per motivi vari, se non mi fossi iscritta sarei andata da te. Con affetto un grosso abbraccio e tanti saluti”.

 

“La danza secondo me è bella perché facendola mi viene la gioia. Anche se certe cose sono difficili mi piace sempre”.

“La danza è bella, ti diverti, giochi, ridi. La danza ti diverte e diverte tutti. A me piace e se ci vanno tutti a tutti piace la danza”.

“Oggi è una bella giornata. Mi piace tanto il gelato. Mi piace la zuccheriera. Oggi vado in palestra!”

 

 

“La danza per me è tutto, anzi quasi tutto perché al primo posto ci sono la famiglia e i parenti, poi c’è la danza e poi vengono gli amici. Forse le persone pensano che la danza è tre o quattro passi ballati, ma quelli che fanno le lezioni di danza e a quelli che piace la danza sanno che è molto di più. La danza per me è una cosa inspiegabile”.

 

“Mia sorella faceva danza e sono voluta andare anche io. Prima non mi piaceva tanto invece quest’anno mi piace molto di più, vado volentieri alle lezioni e con Stefania, la mia insegnante, ho imparato tante cose e mi diverto”.

“Quando non posso andare a qualche lezione mi dispiace molto e a volte piango. Spero di diventare brava”.

 

“La danza è molto bella, sopratutto all’inizio perchè si facevano i giochi, ma adesso è lo stesso bello”.

 

“Per me la danza è la III cosa al mondo che più mi piace, perchè la prima è l’amore per Dio, e, la seconda sono i parenti e gli amici. La danza per me non è qualche semplice passetto che impari subito, ma una cosa che si impara solo avendo tanta fiducia in se stessi e avendo tanta, ma tanta voglia di imparare a ballare. E se diventi famoso perchè balli bene, pensa a cose belle, e non pensare ai soldi e ai fan, o cose così, ma pensa all’amore per la danza. Per me la danza è una cosa molto importante”.

 

“La danza ti fa sognare e ti fa vivere una magia grandissima. Quando ballo sento un sentimento che è l’amore per la danza. Senza la danza non potrei vivere, infatti anche a casa ballo e invento coreografie”.

 

 

 

 

“La danza a me piace perché ci si diverte e si balla,però per fare questo bisogna stare in silenzio. La mia maestra dice sempre che non bisogna chiacchierare”.

 

“La danza per me è una parte del mio cuore, un dono prezioso. Io voglio andare a danza anche quando sarò grande, non importa se son troppo grande, basta che danzo. A volte non posso andare alla lezione e mi offendo molto”.

 

 

 

“La danza per me è un modo per poter esprimere i propri sentimenti ballando. È bellissima, mi piace molto e quando sono triste, se mi metto a ballare divento felice. Quando vado in palestra…che bello!”.

 

“La danza mi piace tantissimo perché giochiamo e balliamo. Quando alla sera c’è danza, dopo subito finiti i compiti mi vado a cambiare e vado a danza perché non vedo l’ora di iniziare”.

“A me la danza piace perché ci fa ballare e gli esercizi fanno bene al corpo. La cosa che mi piace di più è fare la danza libera e fare il riscaldamento. E’ proprio divertente la danza”.

“Io adoro la danza perché mi esprimo e non mi scoccia nessuno. Poi mi piace chi insegna, cioè Stefi”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La danza è la mia vita, è super extra meravigliosa. Continuerò a seguirla per tutta la vita”.

“A me piace tanto la danza. Mi piacerebbe essere una maestra perché così inventerei gli esercizi”.

“La danza è lo sport più bello che abbia mai fatto e mi piace moltissimo. Da grande spero di diventare una ballerina professionista. Tutte le mie compagne fanno pallavolo ma io continuerò e fare danza”.

“La danza è lo sport più bello della mia vita e spero di farlo per sempre perché l’insegnante è brava e gentile e io le voglio bene”.

 

 


 

 

 

“La danza è bellissima. Quando ballo mi sembra di essere in un mondo tutto mio. È per questo che da grande vorrei fare la ballerina”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“A me danzare piace tanto. Danzare, secondo me, vuol dire esprimersi col corpo, cioè al posto di parlare, ballare, muoversi, facendo capire a chi ti guarda cosa provi (felicità, tristezza…). Danzare non vuol dire solo stare chiusi a provare e riprovare, ma muoversi a tempo di musica. Si deve anche studiare, è ovvio!”.

 

“A me piace la danza, e infatti ci vado. È il mio sport preferito!”.

“La danza per me è un passatempo bellissimo perché mi insegna ad essere aggraziata e a sapermi muovere in modo delicato e poi con una insegnante bravissima è ancora più semplice”.

 

 

“Da sempre amo la danza e continuerò ad amarla. Quando  sarò grande desidererei diventare una ballerina, ma non una maestra perchè è troppo faticoso“.

 

 

 

 

 

 

 

 

Non ho indicato il nome dei miei allievi, autori di queste lettere,

ma sono così belle che avrei voluto farlo… e a grandi caratteri!


“Non esiste un modo per dirvi grazie…per tutto l’Amore

che mi avete manifestato,

per le vostre parole, per la vostra sensibilità,

per gli splendidi allievi che siete o che siete stati.

Sono orgogliosa di tutti voi.

Che il vostro cammino lungo i sentieri della vita sia sempre

come una danza… elegante e armonioso”.

Stefania

Hanno scritto…

  • I miei genitori mi hanno iscritta nella scuola di danza per evitare di sentire il solito baccano proveniente dalla mia prima “sala prove”, una piccola stanzetta dove passavo il mio tempo ad inventare balletti. Inizialmente la danza era semplicemente uno sport che mi piaceva tanto. Sentivo la musica è automaticamente mi muovevo. Frequentando la scuola avevo modo di “consumare” le mie energie (per la felicità dei miei genitori), ma sopratutto di conoscere altre bambine. Fra l’altro avevo capito che da grande sarei voluta essere come la mia insegnante, il mio idolo sia nel ballo che nell’aspetto fisico e nel carattere. Qualche anno dopo ho lasciato la danza: non mi trovavo bene con alcune bambine del mio gruppo. Il ritorno dopo pochi anni è stato traumatico: mi sono ritrovata con persone che non conoscevo e sopratutto mi ero resa conto di aver perso tutta la tecnica e di essere quindi molto indietro rispetto agli altri. Nonostante ciò ho cercato di recuperare e ogni anno, nonostante qualche scoraggiamento, la mia passione aumentava sempre di più e ora è diventata una parte indispensabile nella mia vita. La danza è stata per me molto importante per migliorare il mio carattere. Ringrazio te Stefania per aver creduto in me e nelle mie compagne portandoci a Nizza. Non avrei mai immaginato di poter frequentare anche se solo per pochi giorni la scuola di Serge Alzetta, è stata un’esperienza bellissima e soprattutto molto istruttiva. Inoltre ti ringrazio per avermi trasmesso la tua grande passione per questa arte e sopratutto per averlo fatto con la dolcezza e l’amore di una mamma. Un affettuoso abbraccio. Ti voglio bene.

  • Cara Stefi, sono ormai sette anni che ci conosciamo, e con te ho imparato davvero tanto. Ricordo ancora quando ero piccola e tu ci facevi giocare con i pom pom e mi ricordo anche quando mettevi la musica e ci facevi ballare a piacere. Pian piano che crescevo mi insegnavi nuove cose e capivo il valore della danza. Al primo Saggio ero terrorizzata, c’era davvero tantissima gente. Tu mi hai insegnato davvero tanto e non soltanto per quanto riguarda la danza, ma mi hai insegnato tanto anche come persona. Quando ci hai detto che stavi organizzando il viaggio a Nizza ero felicissima. E’ stato faticoso fare due lezioni al giorno ma mi sono divertita, credo che non dimenticherò mai questa esperienza perchè è rimasta impressa nel mio cuore. Ti ringrazio per quello che hai fatto per me in tutti questi anni e ti ringrazio per la bellissima esperienza di Nizza. Sarò felice di tornare nella tua scuola. Spero di migliorare sempre di più.

  • … in tutti questi anni trascorsi insieme a te, Stefy, e alle mie compagne, ho capito cosa significa davvero appassionarsi a quest’arte… ho sempre sognato di volare in alto e solo lei riesce ad aiutarmi a realizzare almeno in parte questo mio grande sogno. Quando mi faccio trasportare dal ritmo sento vibrare dentro di me una magia che fa alleggerire tutte le mie tristezze e paure. La danza è un potere immenso, è ciò che mi rende migliore, è colei capace di farmi ridere e piangere veramente, di farmi emozionare. Solo grazie a te Stefy sono riuscita a provare quei momenti magici perchè sei davvero l’esempio speciale: nei tuoi occhi riesco a vedere ciò che mi fa emozionare… è una passione travolgente ma anche una sensazione di affetto che mi accompagna e mi ha accompagnata sin dai miei primi passi ed esercizi. Ogni anno che passa sento che la danza mi accoglie nel suo mondo perchè ha trovato in me una ragazza che l’ama davvero… ma anche questo, Stefy, è merito tuo… quando sento il bisogno di sfogarmi e le parole non bastano, sembra mi venga incontro, mi aiuti. Ho tanti bei ricordi di tutti questi anni, ma uno in particolare mi viene in mente, il giorno nel quale penso di essermi innamorata della danza: io e il mio gruppo avevamo circa otto o nove anni, quando decidemmo di chiederti di fare dei giri che avevamo visto fare in una coreografia a delle ragazze più grandi, quando iniziasti a farli capii che la danza era parte di me e che dovevo continuare a crederci! Ma ciò che mi colpì e che mi segnò particolarmente fu l’energia ma anche quella serenità e delicatezza che vidi nei tuoi occhi felici! E… ogni volta che mi sono sbucciata un ginocchio sei sempre stata pronta a “soccorrermi”, dandomi una sorta di affetto, un po’ come quando ci si sente tra le dolci cure della propria mamma. Tutto ciò che la danza suscita in me lo devo a te. Ti ringrazio tanto per tutti questi anni trascorsi in un ambiente familiare e felice ma sopratutto per il modo in cui mi trasmetti la tua passione, per ogni mio errore che correggi, per ogni sorriso che mi fai quando sei soddisfatta o eseguo qualcosa in modo corretto! Per merito tuo la danza si è impadronita di me e in me troverà sempre chi l’apprezza e ne va fiera. Grazie per essere la migliore insegnante di questo mondo, grazie per la persona speciale che sei. Ti voglio bene.

Posso dire di essere cresciuta accompagnata e seguendo la danza. Lungo tutto questo percorso sono stata accompagnata da molte persone speciali e spero che questo periodo non possa finire mai.

Quando per la prima volta ho posato il piede nella sala della palestra non avrei mai immaginato quanto importante sarebbe diventata per me la danza. Ho mosso i “primi passi” contemporaneamente al momento più delicato e bello della mia vita e ciò mi ha spinta a continuare a studiare questa disciplina che mi ha dato tante soddisfazioni. Sono passati sette lunghi anni e posso dire di aver imparato tante cose ed è proprio grazie alla danza che ho superato le mie timidezze. Ho conosciuto delle persone veramente speciali e con alcune di loro ho stretto delle amicizie importanti tanto da reputarle mie sorelline. L’esperienza di Nizza è stata un po’ come coronare un piccolo sogno nel cassetto. Ho voluto dimostrare a me stessa che questi anni di  studio sono serviti a qualcosa e a maggior ragione ho acquisito maggior sicurezza e imparato tante cose nuove. Penso che questo viaggio rimarrà per sempre dentro di me e quando per qualche motivo sarò un po’ giù farò partire come in un treno un vagone di ricordi ed emozioni vissuti in quei giorni passati tutti insieme per far loro fare un’unica tappa dentro il mio cuore.

  • La danza è una sorta di poesia in movimento. Si, perchè quando il ballerino danza, sta esprimendo, mettendo a nudo, tutto ciò che ha dentro, proprio come fa il poeta con la penna, attraverso le parole che gli scaturiscono dal profondo. La stessa magnifica arte si può cogliere nel danzatore, che usa come strumento il proprio corpo e si esprime coi suoi movimenti. La danza è come un piccolo universo racchiuso all’interno dell’artista, che contiene tutti i sentimenti e le emozioni: gioia, serenità, sensibilità, emotività ma anche tristezza, paura, dubbi e incertezza. E quando il ballerino si esibisce, decide di condividere col pubblico tutto ciò che ha dentro, tutto il suo piccolo universo, mettendosi in discussione, rischiando di non piacere o di non essere capito, ma pur sempre sostenuto in ogni suo gesto, anche il più piccolo e apparentemente insignificante, dall’immenso amore che porta dentro di se per l’arte tersicorea, la Danza.

Dopo tanti anni di danza guardo indietro e mi vedo a otto, a quattordici, a diciotto anni; vedo i cambiamenti, il formarsi della mia persona, il mio modo di pormi, di reagire, di sorridere, di piangere, di scoraggiarmi e di riprendere ancora una volta a camminare. Il mio amore per la danza però non cambia, anzi, continua a crescere. L’amore per quell’allontanarsi da tutto e concentrarsi per fare sempre meglio… per non deluderti. Non so perchè scrivo queste cose… forse la nostalgia della scuola, delle compagne, di quell’ambiente meraviglioso che sei riuscita a creare e che è casa per tutte noi. Grazie, perchè quello che fai è veramente importante.

Ciao Stefi! Oggi è un bel giorno per me, spero che lo sia anche per te e per tutte le persone che ci stanno vicine e a cui vogliamo bene… Avrei voluto ringraziarti in una maniera Grandiosa, per questi otto anni di “vita” che mi hai dedicato: in un certo senso è anche grazie a te se oggi sono così, se il mio carattere, anche se ancora un pò sbilenco, si sta rafforzando e sta prendendo una bella piega, mi sento una bella persona, sono felice e tanto. Non sapevo come fare per farti arrivare tutto questo, per farti sentire qualcosa di così personale: non sono un tipo che si sbilancia troppo, però voglio rischiare, anche a costo di sembrare un po’ ridicola, e ti sto scrivendo per questo, perchè ti meriti, dopo tutto  questo tempo in cui hai rischiato tu da sola per noi, che io ti faccia sentire tutto questo, andando incontro a qualsiasi cosa, e credo che comunque io non rischi proprio niente a scriverti questo messaggio, quindi mi sa che non saremo mai pari… sei troppo avanti, ci hai dato tanto e continuerai a darci ancora: lo so. Mi commuove un po’ sentirmi seduta qui a pensare a mille cose e vorrei scriverti tanto altro, ma la penna non è così veloce da catturare ogni pensiero che sento girare in testa. Considero pochissime persone veramente speciali, tu sei una di quelle. Grazie davvero Stefi

Sono passati tre anni da quando ho conosciuto l’universo racchiuso all’interno della mia anima!… la Danza… da piccola non sognavo affatto di danzare, per la verità ero così impegnata a giocare che non ne conoscevo l’esistenza, poi crescendo vidi una piccola esibizione di una persona a me vicina e  cara,  nei suoi occhi e nel suo corpo vi era un amore grande per la danza che mi colpì… e così sentii dentro di ma nascere una luce… è stato proprio li in quella palestra che ho provato un’emozione unica… da quel giorno non ho mai smesso di amare la danza. In questi anni ho conosciuto una persona splendida che non voglio mai deludere, perchè lei per me è quasi la mia mamma… questa persona sei tu Stefy, che con tanta dolcezza nei tuoi insegnamenti mi hai trasmesso tutte le emozioni e le sensazioni che dà l’arte più bella e significativa del mondo. In questi anni ci sono stati anche dei momenti di sconforto dove avevo la sensazione di non riuscire a trasmetterti tutta l’emozione che provo danzando, avevo paura di non riuscire a continuare. Comincio  a capire l’importanza di un sorriso insieme al movimento dei miei piedini… con un sorriso posso trasmettere tanto… ed è proprio ciò che voglio… non è semplice amare qualcosa come io amo la danza… devo tutto questo a te Stefy. Grazie per l’amore che provi per la Danza e per noi… grazie per tutte le sensazioni che mi hai regalato. Grazie per avermi dato la possibilità di salire su un palcoscenico, a regalare le mie emozioni… grazie per la tua dolcezza… grazie di esistere…… grazie di essere la mia insegnante di Danza……… Ti voglio bene

 

Carissima Stefania, quanta tristezza in quel saluto! Sai, mi dispiace davvero essere stata così frettolosa ma ho scelto apposta un momento in cui eri superimpegnata proprio perchè tu non mi trattenessi più in quella palestra con tutte le “mie” ragazze (le più belle del mondo). Un solo minuto ancora li dentro e non me ne sarei mai più andata. Mi mancate già tantissimo e sono ancora qui in paese, figuriamoci quando sarò via. Nei giorni in cui c’è lezione in palestra, non faccio altro che gironzolare senza una meta precisa, in cerca di voi, ma voi siete tutte li a provare (siete bravissime). Mi dispiace non venire a salutarvi tutte, ma non ce la faccio perchè piangerei troppo e preferisco non salutare nessuno, come se da un giorno all’altro ritornassi da voi. Pregherò ogni giorno il Signore perchè mi faccia ritornare qui con tutte voi. Ti prego Stefi di abbracciare tutte da parte mia e di farle sgobbare per fare un bellissimo Saggio. Ora ti saluto ricordandoti che ti voglio tanto, tanto bene perchè sei magnifica in ogni senso. Un bacio. Ciao… a presto.

All’insegnante più dolce del mondo. Ciao Stefi, è arrivato il gran giorno, un giorno memorabile che si unirà a tutti gli altri, ma che purtroppo, per me, sarà l’ultimo. Ho voluto scriverti una lettera perchè nonostante io sia una persona allegra ed estroversa, a danza non sempre sono riuscita ad esprimere le mie emozioni a parole, come magari fanno le mie compagne,… e questo troppe volte mi ha fatto soffrire, soprattutto per paura di sembrare fredda o apatica ai tuoi occhi. Questo è purtroppo il mio carattere , a volte congelo tutto e sto in silenzio. Ma ogni momento trascorso in palestra o a casa, scuola, piazza per me è importante e poi cerco di esprimere tutto nella danza. Per me la danza è tutto, non è solo una passione, è la mia vita! Ma la fortuna più grande è stata quella di avere un’insegnante come te, sempre dolce, disponibile, affettuosa, che non si è limitata solo ad insegnarci la tecnica e le coreografie, ma ha dato tanto! Io sto soffrendo troppo, o meglio è già da mesi, ma ora il momento è sempre più vicino: a settembre partirò, ma partirò col cuore in mano perchè lascerò qui parenti ed amici, ma soprattutto te, le mie compagne, la scuola dopo dieci bellissimi anni trascorsi qui! Ma si sa, la vita ci pone tante scelte e alla fine si deve giungere ad un compromesso. Spero di trovare una buona scuola di danza dove andrò, anche se nessuna sarà paragonabile a questa, dove son cresciuta, dove ho tanti ricordi, soddisfazioni e delusioni che mi hanno spinta a migliorare sempre! Ora però penso di averla tirata per le lunghe perciò ti risparmio un altro po’ di paranoie e concludo col ringraziarti per tutto ciò che hai fatto per me, per avermi premiata l’anno scorso, per avermi portata a Praga, per il balletto con Nico e per gli stage!

  • Un grazie dal più profondo del mio cuore… ti voglio bene…Mi mancherai tantissimo. In tutti questi anni di danza, ricordo ancora il mio primo giorno. Mi ricordo che, quando mia madre mi aveva lasciata in palestra, mi sono ritrovata da sola, con tante bambine che mi guardavano dalla testa ai piedi. “Non voglio entrare” dicevo, ma alla fine la mia insegnante è venuta a prendermi e assieme siamo entrate in palestra. A ogni lacrima che versavo, un sorriso ricevevo ed è lo stesso bel sorriso che vedo ogni giorno che entro in palestra. Questo mi da coraggio. Da quel giorno, mi sono sentita voluta bene, allora ho deciso di continuare, e fino ad oggi, io sono ancora li dentro, a sviluppare le mie piccole capacità, tutto questo grazie alla mia insegnante Stefania. Se ogni giorno io riesco a migliorare è grazie ai suoi insegnamenti. Osservavo durante una esibizione, che Stefania faceva una piccola osservazione: aveva fatto notare agli spettatori il risultato che avrebbero raggiunto le bambine piccole, di quattro, cinque anni. Sarebbero diventate delle brave ballerine; anche le persone meno dotate, Stefania è riuscita a trasformarle. È riuscita a trasmetterci il suo stile, molto elegante, ed è una cosa bellissima. Grazie a Stefania io sono riuscita a sentire veramente la danza: una cosa che nemmeno il più bravo coreografo del mondo mi avrebbe fatto sentire. La danza per me è tutto, ogni passo che faccio, per me è danza. ….. Ancora oggi se dovessi rivivere tutti i bei momenti passati con la danza e con Stefania, sicuramente non mi tirerei indietro. Ripeto che per me la danza è tutto, mi scorre nel sangue, e per me è veramente indispensabile “ballare”. Se il mio sogno diventa realtà è solo grazie alla mia insegnante, che dopo lunghi anni di duro lavoro, è riuscita a fare di me, una piccola ballerina. Ma non solo con me, ma con tutte le altre ballerine… Ringrazio Stefania per il suo sorriso, che mi volge ogni volta prima di iniziare la lezione. Ringrazio Stefania per aver aperto la palestra. …”GRAZIE”… P.S. Continua sempre così. Forte e coraggiosa.

Ciao Stefi, mi rendo conto che scriverti una lettera piuttosto che affrontarti di persona possa sembrare un gesto immaturo, e forse lo è. Ma ahimé, come ben sai, non sono molto brava nel fare discorsi; so che non riuscirei a dire neanche solo la metà di ciò che riesco a dire con una lettera, forse perché alcune emozioni si vivono con talmente tanta intensità per cui le parole non trovano spazio. Alcuni anni fa, tornata in palestra dopo una lunga assenza, avevo promesso a me stessa che determinati errori nella vita si fanno una volta sola…perché quella volta è più che sufficiente a farti capire! E forse ora mi ritrovo a commettere lo stesso errore…ma questa volta voglio almeno darti un perché, senza sparire improvvisamente come ho fatto in passato…mi dispiace Stefi ma io proprio non  ce la faccio… Non riesco più a stare in sala, non mi sento più a mio agio, non mi sento più me stessa, ne con le ragazze e nemmeno con te…e penso tu sappia il perché. Forse i miei silenzi hanno parlato più di mille parole che avrei potuto e voluto dirti. Avrei voluto chiederti mille cose e dirti un po’ ciò che io sentivo…ma mi è sempre mancato il coraggio…e l’unica via che posso prendere è questa. Ho sempre vissuto la danza come una liberazione, come possibilità di esprimermi, come una persona diversa, forse migliore e ora non è più così e io non voglio rovinare tutti i bei ricordi. Ho sempre saputo che non sarei potuta diventare ciò che ho sempre sognato, non ho mai vissuto nell’illusione perché nel nostro piccolo, in quello che tu hai chiamato il Nostro Saggio, ero strafelice!!! Per me era tutto perfetto così! Tu e la danza mi avete regalato le emozioni più belle dei miei vent’anni, emozioni che chiunque invidierebbe e che conserverò a lungo nel mio cuore. Ti sarò grata per sempre per ciò che mi hai dato e per come mi hai aiutata a crescere, per l’affetto che mi hai regalato. Sarai comunque un riferimento costante per il futuro, per ciò che sarò e per ciò che non sarò. Spero un giorno di riuscire a trovare il coraggio per dirti quanto mi dispiace! Scusami ancora.

Cara Stefania, ti scrivo perché molto probabilmente a voce queste cose non te le direi mai…la vergogna me lo impedirebbe! Quest’anno non mi sarà possibile frequentare la palestra. Quando mi è stata data questa notizia avrei preferito morire direttamente, perché la danza per me non è solo uno sport, non è nemmeno il mio passatempo, ma è la ragione di vita. Fin da piccola! Un sogno che grazie a una persona speciale, è diventato realtà. Beh! Quella persona sei tu, Stefi. Tu permetti a tante ragazze di realizzare i propri sogni. In questi anni mi hai regalato tante emozioni, mi hai dato tanto; mi hai insegnato a ballare grazie all’amore che hai per la danza. L’hai trasmessa anche a me. Non mi hai insegnato solo a ballare, ma anche a combattere per qualcosa in cui credo. Soprattutto in quest’ultimo anno. Nonostante tutti gli ostacoli che si sono messi davanti a noi, tu hai portato avanti e a testa alta la tua passione, e questo lo hai trasmesso a tutte!!! L’ultimo saggio che abbiamo fatto, non ci crederai, ma ha avuto degli effetti molto positivi sulla mia vita. Mi ha aiutata a fare pace con una mia amica, che frequenta la palestra. Quindi penso che quest’effetto non abbia toccato solo me. È stato bellissimo!!! Volevo ancora ringraziarti di tutto. Grazie Stefi, te lo dico col cuore! Tu per me non sei una semplice insegnante, sei una persona favolosa, carica e piena di vita, che mi trasmetti con un sorriso. Beh, ora ti lascio, sperando di poter riprendere l’anno prossimo. Lo spero con tutte le mie forze. Ti voglio bene Stefi. Tanto, tanto, tantissimo! Ancora grazie di tutto. Soprattutto, grazie di esistere! Un bacio


 

 

 

 

 

“Ciao Stefy, vorrei dirti cosa ho visto in questi anni che ho studiato e lavorato con te. Ho visto una persona  positiva, piena di allegria, di  entusiasmo e di gioia per la vita, che combatte sempre per riuscire a  realizzare i suoi obiettivi. Una  persona che malgrado tutte le  difficoltà che ha dovuto affrontare, se l’è sempre cavata egregiamente, ed in questo modo si è guadagnata tutto il mio rispetto. Ricordo che sin dal mio primo saggio all’agrumicola, c’era stato qualche contrattempo: eravamo rimasti sino all’ultimo senza palco. Qualche problema c’è sempre stato ma tu hai saputo trovare ogni volta la soluzione giusta. Di più, grazie a te abbiamo potuto conoscere e apprezzare questa meravigliosa arte che è la “Danza”. Penso a tutte le ragazze e a tutte le bambine che con amore e pazienza, hai contribuito a far diventare delle donne. Penso a me che quando ho iniziato ero un’altra persona, infantile e irriverente. Anche grazie ai tuoi rimproveri sono una persona più matura, sicura e disciplinata, in poche parole sto meglio. È ovvio che ho ancora un bel po’ di strada da fare in questo senso, così come nell’apprendimento dello “stile”, però la volontà c’è sempre  e l’entusiasmo pure! Nonostante le incomprensioni, i malintesi e le discussioni che a volte abbiamo avuto, se potessi tornare indietro, di sicuro sceglierei di nuovo di studiare con te! Ora pensa a tutto il bene che hai fatto e che fai.  Penso di parlare a nome di tutti quando dico che ti dobbiamo veramente tanto, non solo dal punto di vista dell’insegnamento della danza, ma anche dal punto di vista umano. Aldilà di come andranno le cose in futuro, siamo felicissimi di averti conosciuta. Sei e sarai uno dei più belli e significativi incontri della nostra vita  e credo che, nonostante le rimostranze di alcuni genitori per aver realizzato il Saggio a Sinnai anziché a Muravera, tu possa sentirti fiera e orgogliosa del tuo lavoro, così come i tuoi ballerini lo sono di te! Penso sarebbe una grossa perdita per la nostra zona se tu smettessi del tutto di insegnare. Comunque in futuro si vedrà. Per adesso l’unica cosa certa è che non vedo l’ora di riprendere, mi mancano le lezioni e ho molta voglia di rifare lo spettacolo! “Danzi sempre nei nostri cuori”. Ti voglio bene.”

 

 

 

 

 

 

 

Prima dello spettacolo “Stella e Mandy” realizzato presso il Teatro Civico di Sinnai
Per disguidi tecnici fummo costretti a trasferire, poche settimane prima della data prevista, lo spettacolo a 60 km dalla nostra zona  e molti genitori interpretarono la scelta come un capriccio dell’insegnante. Gli allievi mi scrissero…

Cara Stefi, oggi più che mai, sentiamo l’esigenza di dirti ciò che pensiamo. Mancano pochissimi giorni all’evento che tutti aspettiamo con ansia e grande gioia. I fatti accaduti ti hanno sicuramente resa fragile e molto triste. Molte di noi non riescono a spiegarsi tante voci e atteggiamenti di genitori che forse non capiscono quanto per noi e per tutti gli allievi sia importante lo spettacolo. Sappiamo ogni giorno di più quanto tieni a noi e a ciò che porti avanti, e in te vediamo un grande esempio. È per questo motivo che comunque andrà domenica, ci impegneremo al massimo ed esprimeremo tutto il nostro entusiasmo. Soprattutto perché la passione che proviamo, è superiore a tutti i capricci e alle cattiverie della gente. Noi ci sentiamo unite più che mai e siamo sempre più motivate a dare il nostro meglio. Ti vogliamo tanto bene e siamo tutte con te!!! Tanti baci. Le tue allieve e i tuoi allievi.

Dopo lo spettacolo  “Stella e  Mandy”…mi inviarono tanti messaggi!

* Ciao Stefi…ho fatto tanti saggi di danza ma giuro che questo è stato il più bello ed entusiasmante di tutta la mia vita…mi sembrava di essere in un sogno dal quale non mi volevo svegliare…questo grande sogno ce lo hai regalato tu e non solo oggi, ma nell’arco di tutto l’anno. Sei veramente una persona speciale! Grazie veramente per tutto quello che hai fatto, è stato l’anno più bello di tutta la mia vita, credo di aver imparato tantissime cose e questo solo grazie a te e all’entusiasmo che ci trasmetti ogni volta che ci insegni qualcosa di nuovo. Le critiche non sono servite a nulla, solo a fare male ad una persona troppo speciale, ma per fortuna sei andata avanti e sei riuscita a portare a termine questo Saggio…e ti è riuscito nel migliore dei modi. Credo che alla fine l’unica cosa veramente importante sia il bene che ognuna di noi ti vuole e credimi è veramente tanto, non smettere mai di farci sognare perché la danza è veramente un grande sogno per me e per tutte le tue allieve. Un bacione, ti voglio troppo ma troppo bene.

 

* Spesso gli adulti si dimenticano dei sogni che facevano da bambini. Io sognavo di essere una ballerina. Quante prese e passi a due abbiamo provato io e mia sorella, ogni notte, prima di andare a letto…! Si sognava ed era bello sognare. Poi sono cresciuta e quando ero già un’adulta ho iniziato a prendere le mie prime lezioni di danza…e da allora non credo di riuscire a farne a meno! Certo gli impegni della vita sono tanti, ma è splendido pensare che ci sarà almeno un momento nella giornata da condividere con parsone speciali che hanno la tua stessa passione! Anche da adulti è bello sognare! Grazie Stefi perché è anche grazie a te che continuo a sognare…ci hai fatto vivere una bellissima e indimenticabile esperienza. Complimenti per ciò che sei riuscita a realizzare. Complimenti per la tua sensibilità!

* Ciao Stefi! Grazie di cuore per tutto ciò che hai fatto e che stai facendo per noi! Ti voglio davvero tanto bene.

 

 

 

 

* Ciao Stefy! Un Grazie grande grande! È stata un’esperienza bellissima come lo è ogni anno e anche di più! Sei una persona speciale e mi dispiace che ci sia qualcuno che questo non lo vede!! Un bacio immenso e, di nuovo, grazie!!

 

* Ciao Stefi, prima mi sono così emozionata, ma avrei voluto dirti che è stato tutto così stupendo…e che con il tuo coraggio e il tuo amore hai sicuramente dato una lezione di vita a tanti…un abbraccio!

* Prima non ho avuto parole…non  sono riuscita a dirti nulla! L’emozione è stata tanta. Ho vissuto un momento bellissimo e ho dato il massimo, cercando di trasmettere a tutte quelle persone che ti hanno attaccata la gioia e le sensazioni splendide che tu con la tua passione hai insegnato a tutte noi. Spero che tutto l’amore che ho per ciò che mi trasmetti sia giunto nel profondo del tuo cuore. Sei speciale Stefi…e ti voglio bene! Non ci sono tante parole da dire, solo GRAZIE…grazie per tutto ciò che fai per noi e per avermi trasmesso l’amore che provi per la danza. Un bacio

* Una cosa ci tengo a dirla…GRAZIE DI CUORE…per tutto quello che mi insegni, per tutte le stupende emozioni che mi trasmetti e che mi fai vivere, anche solo con dei piccoli gesti, come l’abbraccio che mi hai donato alla fine dello spettacolo. Sai, se mai mi dovessero chiedere come chi vorrei essere da grande, io risponderei: “vorrei essere come Stefania”…grazie di essere la mia insegnante. Sono davvero orgogliosa di essere una tua allieva. Credimi, mi sento la ragazza più fortunata del mondo. Grazie per avermi insegnato a vivere. Grazie per essere la mia Mamma Speciale. Grazie veramente di tutto quello che fai, per me e per le mie compagne. Nel mio piccolo spero che tu possa contare su di me quando e come vorrai, per te ci sarò, sempre!! Stefi ti voglio un bene immenso. Un forte abbraccio!

 

* Ciao Stefi, ti volevo dire solo qualche parola. Ogni volta che ballo sento dentro di me una forte emozione difficile da spiegare. Per me la danza è tutto: vita, disciplina, amore, dolore e felicità. Amo la danza con tutta me stessa. Tutto questo grazie a te. Mi hai insegnato a credere fino in fondo nei sogni e a dare sempre il meglio di me stessa. Avrei voluto dirti tutte queste cose ma non ci sono riuscita. Ti voglio bene.

* Stefi ti conosco solo da poco tempo, ma giuro che mi sembra di conoscerti da una vita. Sei una persona meravigliosa e le tue parole mi hanno fatta piangere ancora una volta…giuro di non essermi mai trovata in una situazione del genere. Io mi alzo la mattina con in mente le canzoni del saggio, mi addormento la sera con in mente la tua voce che continua a dire uno due tre quattro, uno due tre quattro. Non faccio altro che pensare al saggio, alla danza e a te. La danza è da sempre nel mio cuore ma ora c’è qualcosa in più: una bravissima insegnante con un cuore d’oro e con una passione immensa. Ti voglio un bene dell’anima e ovunque deciderai di ripetere il saggio io ti seguirò.

* Non so bene cosa dirti ma vorrei solo spiegarti che per noi è un onore lavorare con te e se lavoriamo al meglio è solo per quello che riesci sempre a trasmetterci. Un bacione

* Non ho parole per dirti ciò che sento dentro. L’emozione è troppo immensa e ormai incontenibile. Non esistono parole capaci di  esprimere la mia vera gioia, il mio vero entusiasmo, la mia vera gioia di vivere la vita, bella, come solo lei è capace di essere…e la danza, in tutto questo, ha avuto un ruolo fondamentale. Grazie a TE!! Grazie per questo magico sogno.

 

******

Quest’anno è stato troppo complicato. Ora mi rendo veramente conto di quanto stavo perdendo l’entusiasmo. Ho capito che se si inizia una cosa bisogna sempre portarla a termine e nel migliore dei modi anche se ci sono stati dei cedimenti. Ho capito che bisogna sempre ragionare con la propria testa, seguire sempre i propri principi e piaceri senza farsi influenzare dai pensieri altrui. Ora mi sono resa conto di molti, forse troppi errori. E veramente non immagini neanche quanto mi dispiace. Voglio iniziare da capo, da sola, senza nessun influenzamento, solo per fare ciò che realmente mi piace e mi rende felice…danzare…scusa Stefi per le troppe assenze, per tutto il caos di quest’anno, ma te l’ho detto…non avevo più nessuno stimolo, stavo abbandonando tutto. Oggi qualcosa si è risvegliata, vedendo te così felice e fiera di tutti noi. Grazie veramente di tutto.

Mi viene in mente una canzone dello zecchino d’oro: “goccia dopo goccia nasce un fiume e mille fili d’erba fanno un prato, una parola sola ed ecco una canzone, da un ciao detto per caso un’amicizia nuova. Un passo dopo l’altro si va lontano, arriva fino a dieci e poi sai contare, una casona grande comincia da un mattone, da niente nasce niente questo si!” Grazie per essere sempre quella goccia, quel fili d’erba, quella parola, quel ciao, quel passo, quel mattone che mi aiuta a portare avanti questo sogno!

“Grazie di vero cuore per tutti questi mesi trascorsi insieme, per i tuoi insegnamenti, per la passione, l’amore e l’allegria che ci trasmetti…”

“Ci hai viste crescere e siamo ancora qua, a seguirti, e l’ennesimo anno è passato…Ti abbiamo fatto dannare e speriamo anche sorridere qualche volta…e non ti libererai facilmente da noi…Grazie di tutto Stefi, per ogni momento e per ogni emozione che ci dai…Un abbraccio”

 

Amo danzare, amo sentire la musica rimbombarmi dentro, amo sentirmi scuotere, amo lasciarmi trasportare, amo emozionarmi per un passaggio trascinante, amo emozionare, amo perdermi chissà dove e poi ritrovarmi non appena finisce la musica, amo sentirmi bella, esagerare, sorridere, amo mettercela tutta, amo crederci fino in fondo, amo divertirmi, creare, sognare, a volte piangere e pensare…DANZARE, QUESTA È LA MIA VITA! Spero un giorno di poter riuscire a trasmettere questo entusiasmo, così come tu continui a fare con tutte noi…!! Ti voglio bene.

 

 

 Ortacesus

Estate 1997
Ospiti di una scuola di Senorbì si esibiscono con una coreografia funky

Muravera
18, 19, 20, 21 giugno 1998
Partecipano ad un’audizione indetta attraverso video al California Fitness Festival.
In quella occasione si recano con un gruppo di allieve a Riccione ad assistere al Festival.

 

Cagliari – marzo 1999

Per il “Turisport” Stefania è stata presenter alla maratona di aerobica presso la fiera campionaria di Cagliari. Alla maratona partecipa anche un gruppo di sue allieve, e alcune di loro arriveranno tra le prime 16 su un gruppo  di circa 400 partecipanti. Inoltre cinque sue allieve dei corsi di danza si esibiscono con una coreografia funky.

 

 

 

 

Muravera
10, 11, 12 dicembre 1999
Stage di danza jazz con Federica Comello. La Scuola di Danza Sirio offrì gratuitamente lo stage ai gruppi Niveau e Moyen.

Cagliari – Marzo 2000
Preselezioni Nazionali al concorso “Danzasì non solo Jazz”.
Le allieve si esibiscono su una coreografia funk di Stefania Boi.
Quell’anno non superammo la preselezione, ma accaddero dei fatti importanti che per noi valsero più di qualsiasi premio.
L’indomani del concorso ebbi un colloquio con alcuni componenti la commissione per conoscere i criteri con i quali erano state fatte le selezioni e per sapere per quale motivo non fossero stati resi noti i punteggi assegnati da ciascun giudice. Mi dissero che il nostro lavoro era piaciuto ma che era stato considerato dagli altri giurati troppo originale e che i voti non potevano essere resi noti. Allora non contenta telefonai al Presidente del concorso che, grande sorpresa, si ricordava di noi, aveva apprezzato molto il nostro lavoro e si offriva di spedirci le schede con i voti assegnati al nostro lavoro. Scoprimmo così che i voti attribuitici dai due giudici con i quali avevo avuto il colloquio erano i più bassi e che a suo tempo avevano scaricato la responsabilità sugli altri.  Presi carta e penna e scrissi una lettera a uno di loro allegando le schede dei voti. Mi rispose in tono seccato, ma mi rispose, e apprezzai tanto il gesto. Mi piace riportare qui le schede con i voti.

Originalità coreografia 8
Sviluppo coreografia 8
Tecnica allievi 8
Capacità di assieme allievi 8
Interpretazione allievi 8
Totale 40
Note:

 

Originalità coreografia 8
Sviluppo coreografia 8
Tecnica allievi 7
Capacità di assieme allievi 8
Interpretazione allievi 8
Totale 39
Note: il gruppo denota una bella energia e dinamica

 

Originalità coreografia 7
Sviluppo coreografia 8
Tecnica allievi 8
Capacità di assieme allievi 7
Interpretazione allievi 8
Totale 38
Note:

 

Originalità coreografia 6
Sviluppo coreografia 7
Tecnica allievi 7
Capacità di assieme allievi 7
Interpretazione allievi 7
Totale 34
Note:

 

Originalità coreografia 5
Sviluppo coreografia 4
Tecnica allievi 4
Capacità di assieme allievi 5
Interpretazione allievi 6
Totale 24
Note:

 

Originalità coreografia 5
Sviluppo coreografia 5
Tecnica allievi 4
Capacità di assieme allievi 5
Interpretazione allievi 6
Totale 25
Note: il gruppo denota una bella energia e dinamica

Una bella sorpresa arrivò con l’uscita del n.111 di Maggio 2000 della rivista Danzasì – mensile di informazione di danza, infatti il Presidente Raffaello Luciani ci dedicò parte dell’articolo relativo al concorso. Disse di noi:
sono rimaste escluse la Scuola di Danza Sirio di Muravera e … Se cito queste ultime è perchè a mio giudizio, come anche a giudizio degli altri tre giurati venuti da Roma, questi gruppi meritavano anche loro di venire a Roma. Il peso della decisione è dipeso, come le schede di valutazione dimostrano, dal giudizio di due esperti di Funk locali. A questo proposito ricordo a tutti i partecipanti al concorso che, come è nella nostra abitudine ormai da anni, siamo sempre e comunque disponibili a chiarire i motivi di un’esclusione mostrando i voti espressi dai vari giurati limitatamente alla loro personale esibizione. Le schede di valutazione non sono segrete perchè riteniamo che ogni gruppo o ogni solista abbia il diritto di conoscere il giudizio degli esperti che li hanno giudicati. In questo modo anche i giurati sanno che non possono scaricare il loro giudizio negativo su altri e che devono assumersi per intero la responsabilità del loro operato.
Colgo l’occasione per inviare un saluto affettuoso alla cortese e gentile signora Boi e per augurare tanta fortuna a tutti coloro che hanno già partecipato a che parteciperanno al nostro concorso.
Raffaello Luciani

Il gentile Signor Luciani purtroppo è venuto a mancare e ogni volta leggo con commozione il suo articolo. Lo ringrazio tanto per la sua sensibilità e sono sicura che da lassù osserva tutti noi con la dolcezza propria di chi ama tanto la danza.

 

Castiadas
8 agosto 2000
Presentazione delle coreografie del Saggio 2000, in occasione della Fiera dell’Artigianato.

Villaputzu
9 luglio 2000
Con l’Associazione Turistica Pro Loco,“Festa dei giovani”, con esibizioni di danza jazz, danze latino americane, aerobica, kung fu

 

 

 

Villaputzu 27 agosto 2000

 

Teatro Capo San Lorenzo
La Scuola Danza Sirio presenta uno spettacolo dal titolo “Sorrisi e danza di fine estate” in collaborazione con la compagnia teatrale “La Pola”

Cagliari
09 giugno 2001
Preselezione al concorso Internazionale “Danzasì non solo Jazz 2001”.
Nove allieve presentano “Engine”, su coreografia funky e “Il Sogno” su coreografia jazz sempre di Stefania Boi, accompagnate dalle launeddas di Fabio Vargiolu.
Superano le selezioni regionali e accedono alle semi finali del quattro e cinque ottobre la Teatro Orione, a Roma.
Purtroppo non potevamo affrontare la spesa del viaggio e non ci presentammo. Ancora una volta il vivere in un’isola faceva sentire il suo peso!

Muravera
19 novembre 2000
Stage di danza jazz con Domenico Carlucci, ballerino.


 

Elenco tratto dal mensile DanzaSì.
N° 127 ottobre 2001

 

 

 

 

 

 

 

 

Muravera
22 luglio 2001
Esibizione di alcune allieve in occasione dell’inaugurazione della Torre dei dieci cavalli.

Muravera
2002
Stage di danza jazz con Domenico Carlucci.

Selargius
23-24-25 marzo 2001
Partecipiamo, con una coreografia di danza jazz, in qualità di ospiti, al 1° Festival delle Arti Marziali.

Praga
25 aprile al 01 maggio del 2001.
Nove allieve della Scuola di Danza “Sirio” partecipano alla 5ª edizione del Pragha Festival 2001, uno dei più importanti meetings internazionali dedicati alla danza amatoriale svolti in Europa. Si recano nella Repubblica Ceca con altri quattro allievi della Scuola. Sarà un’esperienza indimenticabile! Accompagnati dal Dott. Fabio Vargiolu, che suonerà dal vivo le launeddas, con “Il Sogno” ed “Engine” vincono il 2° premio nella categoria Danza Jazz ed il 1° premio per il disegno dei costumi.

Accanto alla Spagna, Germania, Francia, Stati Uniti, Zambia, Brasile e tante altre nazioni, con orgoglio sentimmo il presentatore dire:”da una delle isole più belle del mondo, la Sardegna, da Muravera, la Scuola di Danza Sirio!”. Quei momenti resteranno impressi nel nostro cuore per sempre.

 

 

 

 

Muravera – Piazza Europa 3 agosto 2002

Spettacolo inedito dal titolo “Memories”

Per lo spettacolo Memories le scenografie furono realizzate da Rosanna Lonis, autrice di quadri capaci di emozionare. È stato detto dei suoi lavori:

“Fughe verso la luce in uno scompiglio di segni e di colori.

Sulle superfici i voli cercano più direzioni,

senza mai certezza di quella giusta e salvifica…

sono esseri disfatti e in via di mutazione,

hanno ali e non le sanno usare,

tentano di andare e divenire altro,

di liberarsi da lacci invisibili e da insidie segrete…

Dal 24 al 28 agosto del 2002 diverse sue opere sono state esposte nella mostra: “…cercando l’alba…” organizzata a Muravera, presso la palestra Sirio. Si avvicendarono tanti visitatori e ricordo ancora una donna che uscì dalla sala con gli occhi lucidi e chiese a Rosi di accompagnarla ad osservare ancora una volta i quadri, in sua compagnia…

Quando incontri Rosanna ti sembra di conoscerla da sempre, ti resta impressa nel cuore, gioviale e spontanea come poche persone sanno essere.

Due dei suoi quadri fanno bella mostra nella sala della palestra Sirio e lei ha riso di piacere nel vedere che molte delle piccole ballerine, quando fanno qualche disegno, riproducono i suoi quadri.

Tra le sue opere una richiama l’arte che noi tanto amiamo e il suo titolo è:

“L’uomo che non voleva ballare”


Assemini
2002
La nostra Scuola è ospite presso la 1ª Rassegna regionale di Danza.

Muravera
7 e 8 maggio 2003
Stage di Lyrical Jazz e Hip Hop con Luigi Grosso.

 

Muravera – Piazza Europa – 2003

Spettacolo inedito dal titolo “C’est la vie”

 

 

 

 

 

 

 

Muravera – Piazza Europa – 2004
Spettacolo inedito dal titolo “College”

 

 

 

 

 

 

Maracalagonis – 2004
La Scuola Danza Sirio partecipa, in qualità di ospite, alla Rassegna Regionale di Danza.

 

 

 

 

Muravera
23 – 24 aprile 2005
Stage di Danza Jazz con Serge Alzetta e Genevieve Blanchard.
In collaborazione con i Comitati Regionale e Provinciale C.S.In. Sardegna.


Muravera – 2005 Lezione dimostrativa

Sant’Antioco – 2003, 2004 e 2005

Siamo ospiti della Rassegna regionale Scuole di Danza, presso l’Anfiteatro Fenicio-Punico.

 

Nizza
8, 9, 10, 11, 12 agosto 2005
Stage d’été di Danza Jazz
Presso l‘Ècole Supérieure de Danse e Ballet de Nice dei maestri Serge Alzetta e Genevieve Blanchard.

Muravera – Piazza Europa 7 luglio 2006

Spettacolo inedito dal titolo “Rainbow”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sinnai – Teatro Civico – 2007

Spettacolo inedito dal titolo “Stella e Mandy”
Villasimius – Anfiteatro Comunale
13 settembre 2008
Spettacolo inedito dal titolo “Jazz Farm”

Muravera 28 febbraio – 01 marzo 2009
Stage di Danza Jazz con il Maestro Carlucci
Muravera giugno 2009
Lezione dimostrativa


Muravera 2010
Stage di Danza Jazz con il maestro Domenico Carlucci
Muravera – Piazza Europa
4 luglio 2010
Spettacolo dal titolo “Code, Baffi e Jazz!”

 

Muravera 19 – 20 febbraio 2011
Stage di danza jazz con il maestro Domenico Carlucci organizzato per i gruppi Moyen 1 e 2 e per il gruppo Niveau 2

Piacevoli sorprese…
Tre allieve, Carla ed Enrica e Anna, mi hanno fatto una sorpresa. Al termine dell’anno di studio 2005 Carla col suo mitico sorriso mi ha dato una copia della sua Tesina d’esame di V Superiore. Ha intitolato il suo lavoro: “La femminilità della Donna all’interno della Danza”. Nell’ultima pagina ha scritto: Dedico questa mia tesina alla mia insegnante di Danza, la carissima Stefania Boi e a tutta la Scuola di Danza “Sirio”. Nel 2010 Enrica mi ha consegnato la sua Tesi di Laurea dal titolo “La Danza come strumento educativo per un Corretto sviluppo dell’Immagine Corporea”. Nella prima pagina ha scritto: Ringrazio la mia insegnante di danza che ha contribuito a migliorarmi. Nel 2011 anche Anna si è laureata in Scienze Motorie e nella sua tesi, dal titolo “Patologia vertebrale lombare e danza”, la dedica è rivolta al suo sposo, alla sua famiglia e… a me e a mio marito! Ha scritto: Grazie, perché continuate ad aiutarmi a portare avanti il sogno.

“Grazie per il vostro pensiero… e grazie per le soddisfazioni che mi avete dato in tutti questi anni”.

 

LE BORSE DI STUDIO

Al termine di ogni anno di lavoro viene assegnata una borsa di studio, che consiste nella possibilità di frequentare gratuitamente le lezioni per sei mesi. È un momento sempre molto atteso. Già durante l’anno gli allievi fanno i pronostici per sapere chi sarà il prescelto e il momento dell’assegnazione è sempre carico di emozione … allievi, mamme e papà con gli occhi lucidi e l’insegnante che … beh, piange proprio!

La borsa di studio è conferita una sola volta agli allievi che durante l’anno si sono distinti per impegno e serietà. Sono considerati diversi aspetti, quali l’aver studiato presso la scuola da almeno quattro anni, avere un buon livello tecnico di preparazione, la costanza nel seguire le lezioni e gli stage, il comportamento tenuto durante le lezioni e la correttezza nei confronti dell’insegnante e dei compagni di studio e tanti altri aspetti, non ultimo l’entusiasmo e la passione mostrati durante l’anno accademico.

 

 

Vincitori della borsa di studio dall’anno 2000 all’anno 2010:

 

Elisa Loddo – Enrica Schirru – Anna Manca – Carla Fanni – Sara Loddo – Alessandra Siddi – Maria Laura Melis – Marzia Scampuddu – Francesca Pisu – Roberta Boi – Stefania Pilloni – Alessia Anedda – Emanuele Melis – Cinzia Mascia

 

La prima a ricevere la borsa di studio fu Elisa. Le venne consegnata dal maestro Domenico Carlucci.

… ma era solo l’inizio! In occasione del viaggio a Nizza, nell’agosto 2005, il maestro Serge Alzetta assegnò ad Elisa una borsa di studio per sei mesi e la Scuola di Danza Sirio le assegnò una borsa di studio che le permise di proseguire gli studi per l’intero anno a Nizza.

 

 

Allieva di Stefania per dieci anni, è stata un esempio particolare di ferrea volontà nello studio della danza. Dopo essersi laureata presso la Facoltà di Scienze Motorie, si è trasferita per due anni a Nizza. Attualmente lavora come coreografa e ballerina.

 

 

 


Con una borsa di studio offerta dalla Scuola del maestro Alzetta, ha studiato a Nizza Enrica.

Un’altra allieva, Anna, è entrata in formazione presso l’Académie Européenne de Danse Jazz.

Entrambe laureate in Scienze Motorie, attualmente sono assistenti nei corsi di danza.

In bocca al lupo,

per un futuro ricco di soddisfazioni a tutte!


 

 

 

…e via… sorridenti verso il 2012!

 


                                   

 

 

                                        

 

STAGE DANZA JAZZ 22-23/12/2012

Si è concluso lo Stage con il Maestro Domenico Carlucci, con grande entusiasmo dei partecipanti.

Un grazie di cuore a tutti per l’impegno e la serietà con la quale hanno seguito le lezioni.

       

 

CURRICULUM VITAE DOTT.SSA STEFANIA BOI

Dati personali: Nata a Muravera (allora Castiadas) il 07/09/1966

 Istruzione:

– Laurea in Scienze Motorie conseguita l’8 ottobre del 2002 presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia di “Tor Vergata” a Roma, con voto 110/110 e Lode.

– Laurea Specialistica in Scienza e Tecnica dello Sport conseguita il 31 maggio 2005 presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia di “Tor Vergata” a Roma, con voto 102/110, discutendo la tesi “Il recupero funzionale della mano traumatizzata”.

Diploma in Medicina Osteopatica conseguito il 6 ottobre 2012 presso l’Istituto Europeo per la Medicina Osteopatica, Genova, Ospedale San Martino, discutendo la tesi “Il trattamento Osteopatico nei pazienti affetti da Non-Erosive Reflux Disease: casi clinici”. Ha ricevuto in occasione della discussione della Tesi di fine studi la Menzione Speciale e l’invito a presentare il lavoro in un Convegno.

– Master di II livello in Scienze delle Attività Sportive e del Fitness, discutendo il 14 novembre del 2003 la tesi “La rieducazione propriocettiva della caviglia in seguito a trauma distorsivo: esercizi”.

– Master Universitario di I° livello in “Riabilitazione Equestre” istituito dalla Facoltà di Medicina e Chirurgia di Firenze, organizzato dalla Cattedra di Neuropsichiatria Infantile e dal Dipartimento di Scienze Neurologiche e Psichiatriche. L’8 marzo 2010 ha conseguito il titolo di “Coordinatore tecnico per la Riabilitazione Equestre”, con voto 110 /110 e lode discutendo la tesi “La Distrofia di Emery Dreifuss. Scelta del cavallo idoneo.”

 – Diploma Istituto Superiore di Educazione Fisica L’Aquila (sede di Cagliari) conseguito il 22 aprile del 1993 con voto 110/110 e lode, discutendo la tesi “La colonna vertebrale nella terza età, norme di prevenzione generiche e specifiche”.

– Diploma presso l’Istituto Tecnico Commerciale “L. Einaudi” di Muravera con votazione 56/60 (anno 1986).

– Diploma di insegnante di Danza Jazz, presso l’Académie Européenne de Danse Jazz, conseguito il 04 maggio del 2003.

– Diploma di Istruttore Federale di I° e di II° livello della Federazione Italiana Aerobica, conseguiti rispettivamente nel 1994 e nel 1995.

Iscritta nel Registro dell’Unione Nazionale Chinesiologi (Registro dei professionisti qualificati nel campo delle attività motorie forniti di titolo specifico di  grado universitario).

Ha conseguito il Partnership Level 1 del Parelli Savvy System (Natural Horse-Man-Ship) il 19 agosto 2006.

Tesserata presso la Federazione Italiana Sport Equestri Patente B.

Altri titoli, corsi, aggiornamenti ed esperienze professionali.
E’ titolare della Palestra Sirio, riconosciuta dall’Università di Cagliari, (Facoltà di Medicina e Chirurgia) fra le sedi idonee per lo svolgimento del Tirocinio obbligatorio per gli studenti del Corso di Laurea in Scienze Motorie. Presidente dell’Associazione Sportiva Stella dal 1993 al 2000, presenta le dimissioni per rivestire l’incarico di Assessore ai Servizi Sociali presso il Comune di Muravera, rivestendo inoltre per due anni il ruolo di Responsabile del Servizio Socio Educativo Culturale. Riassume la carica di Presidente dell’Associazione nell’ottobre del 2005. Per diciannove anni ha insegnato Danza Jazz e per sedici anni Aerobica e Ginnastica.
Insegnante di Danza Jazz dal 1993. Inizia a studiare la disciplina nel 1986, partecipando a diversi stage con vari artisti tra i quali Mauro Mosconi, Mia Molinari, Steve Lachance e Dennis Wonder.
Dal 1999 segue l’Académie Européenne de Danse Jazz, che vede come direttore artistico, nonché docente formatore insieme a Jenny Blanchard, Serge Alzetta, maestro e coreografo di fama internazionale e titolare dell’Ecole Supérieure de Danse di Nizza, centro di formazione professionale per insegnanti riconosciuto dal ministero della Cultura Francese. Nello stesso anno frequenta il corso teorico pratico per la formazione al diploma insegnanti di Danza Jazz seguendo lezioni di danza, musica, metodologia e terminologia.
Con i Maestri, Alzetta e Blanchard ha seguito Stage e Corsi a Bari, Chioggia, Brescia, Massa Carrara, Udine, Nizza, Milano e a Roma presso la Maison de la Danse.
Dal 2005 al 2011 ha organizzato una vacanza studio a Nizza per le allieve dei corsi di danza e nel mese di agosto 2005 una allieva da lei preparata viene ammessa ai corsi di formazione professionale della stessa prestigiosa Scuola con una borsa di studio di un anno. La medesima allieva supera nell’anno 2007 un’audizione che le permetterà di proseguire gli studi frequentando il terzo anno del corso di formazione professionale a Nizza e di avere un contratto di lavoro di un anno. Nell’anno 2010 un’altra sua allieva viene ammessa presso la scuola di Nizza. Un’altra allieva inizia il percorso di formazione presso l’Académie Européenne de Danse Jazz e altre due ancora intraprendono il percorso di insegnanti di Fitness.Ha organizzato spettacoli di danza e fitness a Muravera e a Costa Rei, a Villaputzu, a San Vito, Castiadas e Sinnai presentando numerose coreografie. Fra questi “Memories”, “College”, “C’est la vie”, “Rainbow”,  “Stella e Mandy”, “Jazz Farm”, “Code, Baffi e Jazz!”.

Nell’aprile del 2000 ha partecipato con un gruppo di allieve alle selezioni per il concorso “Danzasì non solo Jazz”.
Nell’agosto del 2000 ha organizzato uno spettacolo dal titolo “Sorrisi e danza di fine estate” con la compagnia teatrale “La Pola” presso il teatro di Capo San Lorenzo a Villaputzu.
Il 23-24-25 marzo 2001 ha partecipato con un gruppo di allieve, in qualità di ospite, al 1° Festival delle Arti Marziali a Selargius.

Con la Scuola di Danza “Sirio”, dal 25 aprile al 01 maggio del 2001, con un gruppo di nove allieve, si reca a Praga, dove partecipa alla 5ª edizione del Pragha Festival 2001, uno dei più importanti meetings internazionali dedicati alla danza amatoriale svolti in Europa, ottenendo il 2° premio nella categoria Danza Jazz ed il 1° premio per il disegno dei costumi.

Il 09 giugno 2001 partecipa a Cagliari, con nove allieve, al Concorso “Danzasì non solo jazz” superando le selezioni regionali.
Nel 2002 è stata ospite presso la 1ª Rassegna regionale di Danza ad Assemini, nel 2003, nel 2004 e nel 2005 a Sant’Antioco e nel 2004 a Maracalagonis.
Ha organizzato, presso la Scuola di Danza Sirio di Muravera, numerosi Stage con ballerini e coreografi quali Domenico Carlucci, Federica Comello, Luigi Grosso e con Serge Alzetta e Jenny Blanchard.
Ad ogni fine anno di studio della Scuola di Danza ha organizzato uno spettacolo curando personalmente la direzione tecnica ed artistica.
Negli anni 1992/1995/1996/1997 collabora con la Soc. Coop. C.T.R. Primavera svolgendo attività ludico-motorie con bambini e anziani e un corso di ginnastica dolce.
Nell’Anno Scolastico 2003/2004 presenta al Dirigente dell’Istituto Comprensivo Statale di Villasimius un Progetto di Danza Jazz e lo realizza presso la Scuola materna di Olia Speciosa.

Nel settore del Fitness, ha insegnato aerobica dagli inizi degli anni novanta. Ha conseguito i seguenti diplomi e partecipato a numerosi stage e corsi:

  1. Roma, ’94, Diploma di Istruttore Federale di I° livello Federazione Italiana Aerobica;
  2. Cagliari, ottobre ’94, partecipazione Master in Step, Federazione Italiana Fitness;
  3. Sassari, ottobre ’94 corso di Aerobica & Funk Presenter Laura Cristina;
  4. Sassari, febbraio ’95 corso di Aerobica & Funk Presenter Laura Cristina;
  5. Sassari, marzo ’95 corso di Aerobica & Funk Presenter Alexandro Viligiardi;
  6. Roma, maggio ‘95 – Diploma di Istruttore Federale di II° livello della F.I.A.;
  7. Cagliari, settembre ’95 – Reebok Certificate Step Foundamentals e Basic Choreography;
  8. Muravera (CA), aprile ’96 Stage di Aerobica & Step – Presenter Laura Rapuzzi;
  9. Torino, settembre ’96 – Get on the ball Resist a Ball – Bio Fit ’96;
  10. Riccione, agosto ’97 Blue Fitness, stage di aerobica e danza;
  11. Villasimius (CA), settembre ’97 Step & Fitness Convention Tanka Village;
  12. Sassari, ottobre ’98 Joy Fit Convention;
  13. Cagliari, maggio 2001, corso di introduzione al programma Spinning della Schwinn.

Nel marzo 1999, per il “Turisport”, è stata presenter presso la fiera campionaria di Cagliari alla maratona di aerobica, dove anche un gruppo di sue allieve si è esibito in una coreografia funky.
Nel 2002 e nel 2004 è stata presenter a San Vito, in occasione della 1ª e della 2ª Maratona di aerobica del Sarrabus. Nel 2004 è giudice alla maratona di aerobica in occasione del Turisport a Cagliari.

Ha praticato arti marziali e conseguito la cintura azzurra di Kung Fu nel settembre ’99. Nello stesso anno ha partecipato a Perugia al 2° World Traditional Kung Fu Cup dove ha vinto 2 medaglie d’oro nella categoria seniores del Tuei Sho (lotta del Tai Chi) e la medaglia di bronzo nel Tao Lu (free hand fixed fighting).

Nel settore Arti Marziali ha svolto i seguenti corsi e stage:

– Diploma di partecipazione allo Stage di Tuei Sho tradizionale e libero il 10 dicembre 1998 a Perugia;

– Stage di Nanquan a Selargius il 21 febbraio 1999;

– Diploma di Qi Gong I° anno il 31 luglio 1999 a Selargius per aver superato le prescritte prove teoriche e pratiche;

– Stage di Taijiquan il 4 – 5 marzo 2000 a Selargius

********************

Nell’aprile del 2012 cede la sua attività d’insegnamento della danza a un’altra Associazione, costituita ad hoc da due sue allieve.

Attualmente si occupa di Osteopatia e Chinesiologia.

Sta portando avanti un progetto per la realizzazione di un Centro di Riabilitazione Equestre

 

Ormai da tempo pensavo che il mio futuro sarebbe stato insegnare, ma non riuscivo ad immaginarmi seduta dietro una scrivania. Già allora credevo fortemente nel valore educativo dell’attività motoria e adoravo la danza. Sognavo di poter frequentare una scuola per apprendere l’arte, ma vivevo in campagna e anche nei paesi vicini le possibilità di coltivare la mia passione erano pressoché nulle.

Trasferitami a Muravera con la mia famiglia, dopo qualche anno fu aperto un centro sportivo, ed ebbi così la possibilità di iniziare ad affacciarmi a quel mondo…di iniziare a vivere le sensazioni incredibili che si provano durante le lezioni, durante una esibizione.

Conobbi il mio primo insegnante e ricordo ancora il giorno in cui gli dissi: “Voglio iscrivermi all’Istituto Superiore di Educazione Fisica”. Era il 1988. Superai la prova pratica d’ammissione. Avevo lavorato così tanto per affrontare tutti gli esercizi che arrivato il momento di andare a casa non riuscii a mettermi in piedi. Mi aiutò un amico, che aveva curato la mia preparazione per l’esame. Ancora oggi ogni tanto la mia schiena mi ricorda che avevo davvero esagerato. All’esame scritto fui respinta. Per un mese rimasi quasi sempre nella mia camera, nella penombra, a pensare; non volevo fare altro, non volevo iscrivermi in una qualsiasi università. Decisi di prepararmi per l’esame e chiesi aiuto ad un amico. Mi fece fare per mesi e mesi temi d’ogni genere e lessi, comprai tanti libri e lessi. Trascorsi così un anno e mi ripresentai all’esame. Lo superai e iniziò così un periodo per me bellissimo… finalmente facevo ciò che desideravo. Ogni tanto ripenso al gran potere che hanno i componenti delle commissioni d’esame… il potere di realizzare o meno i sogni! Se non mi avessero permesso di continuare per la mia strada, per la strada che solo io avevo il diritto di scegliere, quante cose non si sarebbero potute realizzare! Quante persone non avrei potuto conoscere e ora forse non potrei voltarmi verso tutti questi anni trascorsi e dire: ”Non rimpiango niente, sono felice di tutto ciò che ho realizzato”. Non avrei mai potuto provare l’indescrivibile emozione nel vedere i miei allievi danzare, non avrei mai potuto provare quel sentimento di tenerezza che dietro le quinte fa correre il mio pensiero accanto a loro, come ali, a sorreggere il loro volteggiare.

Quando crediamo in qualcosa, per quanto i fatti o le persone ci ostacolino nei nostri propositi, dobbiamo lottare e impegnarci, perchè se crediamo veramente in ciò che facciamo e riusciamo a cogliere i messaggi che anche i piccoli eventi ci suggeriscono, potremo vivere senza rimpianti, offrendo alle persone che incontriamo uno dei doni più importanti: un sorriso.

Una frase di Johann Wolfgang Goethe recita…

“Qualunque cosa tu possa fare, o sognare di fare, incominciala. L’audacia ha in se’ genio, potere e magia. Incomincia adesso.”

 

La pubblicazione di questi scritti vuole essere un ringraziamento a tutti i miei allievi e alle loro famiglie per tutto l’affetto che in questi anni hanno saputo mostrarmi.

Nell’arco di quasi vent’anni, ho conservato tutto ciò che in qualche modo avrebbe potuto raccontare le emozioni legate a particolari momenti: fotografie, cartoline, disegni e pensierini che ogni tanto qualche allievo mi offriva con un bel sorriso. Conservo ancora disegni di bambine che anni fa muovevano insicure i loro primi passi di danza nella mia scuola e con orgoglio le guardo oggi mentre danzano capaci di emozionare chi le osserva.

Ho voluto conservare il ricordo di ciò che abbiamo fatto, la testimonianza di esperienze che ci hanno aiutati a crescere e che sono parte della nostra vita.

Voglio ringraziare tutti coloro che mi hanno sostenuta nell’intraprendere il lavoro di insegnante, che seppur faticoso e impegnativo, mi ha regalato le emozioni più grandi.

Grazie ai miei genitori che mi hanno sempre sostenuta, anche quando ho fatto scelte che non condividevano, e ai quali devo un grande amore per la vita e un ottimismo che mi permette di affrontare tutto con maggior forza; grazie a mio marito che mi ha sempre spronata a prendere decisioni e iniziative che mi hanno portata a percorrere le strade giuste e ad essere orgogliosa dei risultati …. GRAZIE a tutti gli allievi e ai genitori che in questi anni hanno creduto in me, affidandosi ai miei insegnamenti e affidandomi i loro figli. Per  rispetto nei loro confronti e nei confronti di me stessa  ho sempre studiato e mi sono aggiornata, curando la professionalità che ogni allievo ha il diritto di avere da chiunque rivesta il ruolo di insegnante. Ho raggiunto risultati che anni addietro, considerando i troppi impegni, mai avrei creduto possibili. Anche da tutti i miei allievi ho tratto la forza per  intraprendere questo meraviglioso cammino. La forza che mi hanno trasmesso con il loro impegno, con la loro gioia e con la loro fiducia.

Spero di poter continuare ad offrire ai miei allievi la possibilità di soddisfare la grande passione per la danza, nonostante i limiti posti dal vivere in un piccolo paese e in un’isola.

Quando mi sembrerà di non avere più energie penserò alle bellissime frasi dedicatemi da alcuni allievi, che senza saperlo mi hanno fatto piangere di gioia, dicendomi che infondendo in loro la passione per la danza ho contribuito alla loro “crescita” con l’amore e la dolcezza di una mamma.

Quando e se i fatti della vita mi metteranno di fronte alla necessità di fare delle scelte, portandomi verso nuovi sentieri, spero fortemente che le realizzazioni di questi lunghi anni  rimangano nel cuore di chi mi è passato accanto e che vi sia chi saprà portare avanti con passione quanto è stato avviato.

L’amicizia come l’amore richiede quasi

altrettanta arte di una figura di danza ben

riuscita. Ci vuole molto slancio e molto

controllo, molti scambi di parole e moltissimi

silenzi… Soprattutto molto rispetto

R. Nureyev

Sponsor
visite
Archivio